Categorie
Senza categoria

Autunno

La stagione del Metallo

Visualizza QUI

Categorie
Senza categoria

Anno del Cinghiale/Maiale di Terra

maiale

Dice la leggenda che nel sessantunesimo anno del suo regno, siamo nel 2637 a.C., l’imperatore Huang Ti introdusse il primo ciclo dello zodiaco cinese. Ogni ciclo completo è formato da cinque cicli semplici di dodici anni che iniziano alla prima Luna Nuova dell’anno, perciò il Capodanno Cinese cade tra il 21 gennaio (quando il Sole entra nell’Aquario) e il 19 febbraio, nel giorno in cui Sole e Luna s’incontrano nel segno dell’Aquario. Ogni anno è dedicato ad un animale perché, racconta la leggenda, quando Buddha stava per abbandonare la terra chiamò a sé tutti gli animali per un estremo saluto. Soltanto dodici si presentarono e per ricompensarli egli diede a ogni anno il nome di ognuno di loro, nell’ordine in cui si erano presentati: Topo, Bue (Bufalo), Tigre, Coniglio (Gatto o Lepre), Drago, Serpente, Cavallo, Pecora (Capra), Scimmia, Gallo, Cane, Cinghiale (Maiale), associati ai cinque simboli astrologici esistenti gli Elementi cosmici che sono nell’ordine Fuoco, Terra, Metallo, Acqua, Legno per un totale di sessanta combinazioni.
Il 4 febbraio 2019 alle ore 22.04 inizia l’anno Lunare  e secondo l’astrologia cinese, questo è l’anno del Cinghiale di Terra. Vi avverto che, per come è giunta a noi, l’astrologia cinese è un giochino salottiero, in realtà è molto più complicata e tiene presente molti fattori, non solo il segno dell’anno e il suo elemento.
Un tempo, la tradizione cinese prevedeva quindici giorni di festeggiamenti, fuochi d’artificio a volontà e gran clamore per scacciare l’anno vecchio e gli spiriti maligni, un abito nuovo per propiziare la buona sorte e maiale a volontà, essendo considerato una ricchezza, perciò un portafortuna. Il periodo si concludeva con la bene augurante Festa delle Lanterne
Ora i fuochi d’artificio sono stati banditi perché pericolosi, restano il  rumore creato ad arte, l’abito nuovo e il  maiale come re della tavola… e gli spostamenti di massa perché i cinesi tendono a tornare ai luoghi natii, ricongiungendosi con i parenti, per festeggiare il Capodanno.
Anche il numero delle vivande ha la sua importanza. Più è alto e più invoglierà la buona sorte a visitare la casa, i componenti della famiglia.
Qual è la personalità del rappresentante del segno del Cinghiale per i cinesi?  Si tratta di un soggetto solido, onesto, semplice. Dotato di una grande forza d’animo, premuroso e coraggioso, negli impegni che assume profonde tutte le sue energie fisiche e psichiche e arriva fino in fondo. Può avere un’apparenza poco chic, troppo alla mano ma se non ci si ferma alle apparenze si scopre una miniera d’oro di qualità umane compresa la spiritualità.
È il galantuomo per eccellenza, quello che non gioca mai tiri mancini e cerca di vivere in armonia con l’universo mondo, umani compresi. È possibile che abbia qualche screzio con gli altri ma non parte mai da lui e non porta rancore ed è pronto a fare il primo passo. Se l’armonia non torna, se ne fa una ragione ma è paziente. Gioviale , empatico, ama stringere amicizie, adora feste e raduni che organizza con calma alla perfezione. La sua credibilità e la sua sincerità fanno parte delle sue doti più preziose. Se siete suoi amici non vi abbandonerà mai, pronto ad accollarsi anche i vostri fardelli, non ama le luci delle ribalta e non se la prende se deve fare tappezzeria. Buono, ingenuo, senza secondi fini sembra essere la vittima prediletta delle persone disoneste ma il Cinghiale è anche fortunato e ciò che di male viene tramato alle sue spalle torna ai malintenzionati come un boomerang. Sembra che il motto del Cinghiale sia l’evangelico: “Bussate e vi sarà aperto, chiedete e vi sarà dato”
Sì, c’è anche un risvolto meno esaltante, quello che adora la vita, che vuole godere di tutto ciò che offre, bacco-tabacco-Venere e può scivolare nel vizio. Altro difettuccio della parte meno nobile? Se si fa in mille pezzi per gli altri si aspetta riconoscenza eterna e che le sue debolezze siano tollerate. Poiché di sé dà tutto, condivide con il prossimo tutto ciò  che è suo, si aspetta che lo facciano anche gli altri perciò non meravigliatevi se, ospite in casa vostra, si comporta come se fosse a casa propria.

Il  segno del Cinghiale di Terra che governa il 2019, è considerato il più sensato. Vive all’insegna del buonsenso per portare  benefici a sé e agli altri. Abile nelle finanze, perfetto preparatore di piani scrupolosi, pacato e in grado di far ragionare anche i più duri di comprendonio, ascoltarlo e seguirlo nelle sue imprese significa assicurarsi serenità e benessere. E non solo nel suo “piccolo” lui sa agire anche su vasta scala. Se siede ai posti di comando, prima di scatenare guerre proverà con la diplomazia fino all’ultimo, ragionevole dubbio.

Categorie
Senza categoria

Aggiornamento sul trattamento dei dati personali

il Sogno di Lao vi comunica che

dal 25 maggio prossimo sarà in vigore il nuovo regolamento generale per la protezione dei dati (GDPR).
In accordo con le nuove disposizioni saremo autorizzati ad utilizzare i vostri dati personali soltanto previa vostra autorizzazione.
Se desiderate ancora ricevere informazioni sui nostri eventi non dovete fare niente e, in questo modo, ci autorizzerete a continuare a mandare nostre comunicazioni all’indirizzo che ci avete fornito a suo tempo.
Il Sogno di Lao garantisce che i vostri dati (nome, indirizzo mail) saranno utilizzati esclusivamente per le nostre newsletter.
Se preferite non ricevere più comunicazioni, potrete essere rimossi dalle nostre newsletter scrivendo in qualsiasi momento a info@ilsognodilao.it o usando il link Unsubscribe in calce alla newsletter.
Cordiali saluti.

EU General Data protection Regulation (GDPR)

It informs you that from 25 May 2018 the new regulation of data will come into force (“GDPR”)
This means according to this new regulation, we’re only allowed to use your personal data with your approval.
If you wish to continue receiving information about our events, you do not need to do anything, and in doing so, authorize us to keep you informed about our activities.
We assure to use your data (name and email address) for our newsletter exclusively.
If you do not want us to keep you informed and you wish to unsubscribe from our newsletter list,
please send an email to info@ilsognodilao.it
Best regards

INFORMAZIONI PER GLI INTERESSATI
Ai sensi della normativa in materia di protezione dei dati personali, Regolamento Ue 679/2016 (di seguito GDPR), :

il TITOLARE DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Associazione Culturale Orientamenti a Est,  sede il Sogno di Lao, Piazza Cattaneo 26/13
Genova 16128 ( Codice fiscale 95162780100), info@ilsognodilao.it
Fornisce, anche per garantire un trattamento corretto e trasparente, le seguenti informazioni

CATEGORIE DI DATI PERSONALI
Sono da noi trattati dati personali (dati identificativi, indirizzo e-mail, indirizzo di posta ordinaria), da Voi conferiti/conferendi per la sottoscrizione alla newsletter.

FINALITÀ DEL TRATTAMENTO
La finalità del trattamento consiste nella trasmissione periodica sulla casella e-mail da Voi indicata e/o tramite posta ordinaria al Vs. indirizzo della nostra newsletter, contenenti informazioni sulle iniziative, eventi ed attività del Titolare.

BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO
Il trattamento dei dati (identificativi, indirizzo e-mail, indirizzo di posta ordinaria) è necessario per ottenere l’invio periodico delle informazioni relative alle attività del centro.

POSSIBILI CONSEGUENZE DELLA MANCATA COMUNICAZIONE DEI DATI
Il conferimento dei dati per tale finalità è facoltativo, ma l’eventuale mancato conferimento comporta l’impossibilità di ottenere l’invio.
DESTINATARI
Destinatari / categorie di destinatari dei dati personali Vs./degli altri eventuali interessati sono soggetti pubblici o privati che collaborano con il Titolare o che hanno rapporti di qualunque tipo connessi con l’associazione, quali ad esempio il tipografo, il servizio postale ecc. (di norma designati Responsabili di trattamento).

CONSERVAZIONE
I dati personali vengono conservati fino alla revoca dell’interessato.

DIRITTI
L’interessato ha diritto – nei casi previsti dalla normativa di chiedere: l’accesso ai dati personali, la rettifica; la cancellazione dei dati personali; la limitazione del trattamento dei dati personali; di effettuare l’opposizione al trattamento, ecc.
Per esercitare tali diritti l’interessato potrà rivolgersi al Titolare ai recapiti sopra indicati.

CANCELLAZIONE DAL SERVIZIO
Per non ricevere più la newsletter potete liberamente cliccare all’apposito link presente in calce alla newsletter o scrivere all’indirizzo info@ilsognodilao.it  con oggetto “Cancellazione newsletter”

DIRITTO DI PROPORRE RECLAMO
L’interessato ha diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

PROCESSO DECISIONALE AUTOMATIZZATO, COMPRESA LA PROFILAZIONE
Non vengono effettuati processi decisionali automatizzati e/o profilazioni.

FINALITA’ DIVERSE
Qualora il Titolare intendesse trattare ulteriormente i dati per una finalità diversa da quella per cui sono stati raccolti, fornirà all’interessato, prima di tale ulteriore trattamento, informazioni in merito a tale diversa finalità e ogni ulteriore informazione pertinente.

Categorie
Senza categoria

Tai ChiBo

schermata-2018-04-13-alle-15-06-56

Una volta assaporato qualcosa di buono ne vogliamo ancora. Allo stesso modo si continua a praticare tai chi, ripetendo gesti giorno dopo giorno, generazione dopo generazione, gustando l’energia che come un balsamo ci penetra.

Ieri un allievo ha commentato, mentre da fermo osservava altri eseguire i primi movimenti della forma:
– io questa parte l’ho memorizzata!
– bene allora praticala!

Non a caso si dice praticare piuttosto che teorizzare il Tai Chi.
E’ come mangiare: un libro di ricette non ci sazia; il nostro piatto preferito non lo mangiamo una volta sola nella vita; un sapore già sperimentato e trovato gradevole verrà assaporato ancora.

Respiriamo e ci nutriamo ancora e ancora e allo stesso modo facciamo tai chi!!!

Buon “TAI CHIbo” a tutti

Categorie
Senza categoria

Tai chi: patrimonio dell’umanità

 Leggi l’articolo del Maestro Carlo Lopez

armonia_belgioioso_2014_06

Categorie
Senza categoria

Zhuang-zi: Libertà naturale

chansanfan

Nello sterile nord si stende un mare: il ‘Lago Celeste’. Là vive un pesce. La sua larghezza è di molte migliaia di li, nessuno ne conosce la lunghezza. Il suo nome è Kun. Là esiste anche un uccello chiamato Peng il cui dorso è simile al monte Tai e le cui ali sono come le nuvole del cielo. Descrivendo una spirale simile a un corno d’ariete, l’uccello si alza su un vento ascendente di novantamila li. Al di là delle nuvole, il cielo azzurro sopra di lui, dirige il suo volo verso il sud per giungere all’oceano meridionale.
Una quaglia lo deride dicendo: Dove va questo uccello? Io mi levo in aria a non più di una tesa, scendo e volteggio tra l’artemisia. E questo è per me lo scopo del volare. Dove va questo uccello?
Ecco la differenza tra il piccolo e il grande.
Alcuni hanno un’intelligenza sufficiente a esercitare una certa funzione. Altri, con la loro condotta, possono essere d’esempio a un intero distretto. Altri posseggono le qualità del principe e si impongono a tutto il principato. Tutti si danno arie come una certa quaglia fiera di sé.
Rong-zi di Song rideva di loro. L’ammirazione del mondo intero non avrebbe potuto spronarlo, il disprezzo del mondo intero non avrebbe potuto scoraggiarlo. Perché egli sapeva distinguere l’interiore dall’esteriore e quindi l’onore dal disonore. Purtroppo, però, non sapeva far altro all’infuori di quello. Certo, un uomo simile è raro al mondo, ma non ha prescritto nulla.
Lie-zi si spostava cavalcando il vento. Viaggiava in modo piacevolissimo, e in capo a quindici giorni faceva ritorno. Certo, un uomo simile è raro tra coloro che hanno raggiunto la felicità. Ma anche se poteva evitare di camminare, dipendeva tuttavia da qualcosa.
Quanto a colui che può padroneggiare la sostanza dell’universo, utilizzare la potenza dei sei soffi (6 Qi Gong) e, così, esplorare l’universo, da che cosa dipenderebbe ancora? Per questo è stato detto: l’essere umano perfetto è senza io, l’essere ispirato è senza opera, il santo non lascia nome […].

Questo è un brano di Zhuang Tzu, uno dei tre pilastri del Taoismo; nel brani parla del leggendario uccello Peng che dà il nome ad un movimento della spada.

Ogni volta che arriviamo alla posizione del “leggendario uccello Peng” ricordiamoci che non è nostro interesse diventare come la quaglia.

Carlo Lopez -VI Generazione della Famiglia Yang

Categorie
Senza categoria

La tradizione viva

schermata-2017-06-08-alle-15-59-59

Le città sono piene di corsi di Tai chi, Qi gong; ogni giorno riceviamo richieste di persone che pretendono di insegnare dopo qualche mese di pratica (ormai è tutto smart, veloce).

C’è una grande dispersione: si cercano risultati immediati, si vuole assaggiare tutto e non ci si da il tempo di entrare in profondità.

Attualmente spopolano le scuole di qi gong proprio perché gli esercizi sembrano semplici, di facile acquisizione, insomma non ci si deve impegnare troppo.

Ci vuole pazienza e passione, dice il G.M° Chu, per imparare il Tai Chi, mettersi in gioco e lavorare su se stessi.

Insegnare aiuta ad imparare, ma è importante mantenere il doppio ruolo, la mente del principiante (YinYang).

Molte persone arrivano ai nostri corsi sospettose, pensando di sapere cosa sia il tai chi, reputandolo rilassante nel migliore dei casi e noioso in molti altri. Come un medico omeopatico incompetente fa perdere fiducia a tutta la categoria, mentre 100 allopatici fanno danni ma la “medicina” resta scientifica ed affidabile per l’opinione pubblica.

Controllate “il curriculum” di chi insegna, verificate che ci sia una scuola di riferimento, guardate se c’è energia, vitalità.

Come un ramo staccato dalla pianta madre a volte può attecchire, ma spesso si inselvatichisce, ecco che si inventano forme nuove, di sintesi, che nutrono l’ego smisurato dei loro creatori.

Noi abbiamo una tradizione che è viva insieme a noi.
Sentiamone il sostegno, la libertà di galleggiare in un fiume che viene da lontano (per citare il M° Lopez).

 Rosanna e Chiara

Categorie
Senza categoria

Il doppio peso e gli ignavi

E io ch’avea d’error la testa cinta,
dissi: “Maestro, che è quel ch’i’ odo?
e che gent’è che par nel duol sì vinta?”.

Ed elli a me: “Questo misero modo
tegnon l’anime triste di coloro
che visser sanza ‘nfamia e sanza lodo.

Mischiate sono a quel cattivo coro
de li angeli che non furon ribelli
né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.

Caccianli i ciel per non esser men belli,
né lo profondo inferno li riceve,
ch’alcuna gloria i rei avrebber d’elli”.

Inferno: Canto III

 

Il doppio peso e gli ignavi

Uno dei grandi “segreti” del Tai chi chuan è il peso. Per consentire un profondo lavoro energetico e l’apertura del diaframma in maniera ottimale il peso è sempre su un piede solo. L’asse è uno, il diaframma si apre, l’energia si apre. Apparentemente il peso ben distribuito sui due piedi dà stabilità e sicurezza, il risultato è che ci troviamo in una condizione di staticità energetica e mentale. Il Maestro Chu direbbe essere parcheggiati o avere i piedi su due barche che potrebbero allontanarsi tra loro e farci cadere.

Già Yang Cheng Fu parlò dell’errore del doppio peso affermando che se il peso è da un solo lato si sarà in grado di seguire, mentre con il doppio peso si sarà goffi.

Come per far girare le ruote della bicicletta e creare così il movimento e quindi l’energia, un piede spinge ed uno segue, così nel Tai chi un piede si riempie e uno si svuota. Se spingessimo contemporaneamente su entrambi i pedali non ci sarebbe movimento, non ci sarebbe energia e non ci sarebbe equilibrio.

L’errore del doppio peso è fisico, energetico e mentale. Come per far funzionare una melodia abbiamo bisogno di singole note, così per essere allineati e aperti in noi stessi abbiamo bisogno del singolo peso, ora un piede ora l’altro, senza fissità ma con posizioni nette, precise. La postura mentale e fisica corretta non lascia spazio a confusione, ma lascia spazio alla modificazione continua. Siamo consapevoli del movimento ci permettiamo di seguirlo.

L’errore del doppio peso mi fa venire in mente il girone degli ignavi, di chi non sceglie da che parte stare e si trova bloccato, senza yin e yang, senza infamia e senza lode.

Categorie
Senza categoria

Il Tai Chi è Bello

Il Tai chi è Bello.

Questa è la mia motivazione.

È questo ciò  che mi spinge a continuare anno dopo anno, a superare le spire insidiose che tutti i praticanti devono affrontare, ad andare avanti.

Il Tai chi è Bello.

Nessuno lo dice.

Si cerca di vendere il prodotto: il Tai chi fa bene, tanti studi scientifici lo dimostrano, arte di lunga vita, si guarisce dalle malattie, meglio della maggior parte delle terapie fisiche.

Tutto Vero.

Ma la mia motivazione in questo caso è il Bello e non il Vero.

Il Tai chi è Bello.

E’ piacere vivo, sempre nuovo.

Se andiamo oltre le resistenze al nostro Bene.

Se andiamo oltre l’ipnosi di essere sempre uguali a noi stessi e di sapere cosa e come sentire, muoversi e percepire.

Il Tai chi è Bello come tornare a casa: Calore, Confidenza e Amore

dscn4370

Categorie
Senza categoria

Sogno e son desta

Sogno e son desta

ginevra1

Sabato 3 Dicembre 2016 abbiamo avuto ospiti a “il Sogno di Lao” Ginevra di Marco con i suoi splendidi musicisti Francesco Magnelli ed Andreino Salvadori. E’ stata una serata indimenticabile ed un grande regalo per tutti noi.

img_7187 img_7186 img_7171 15380549_10209639492978074_7987246179133254731_n 15356671_10209639494818120_8251970068255389981_n 15355781_10209639464777369_4299760814022594469_n 15350677_10209639472417560_1179747344800455818_n 15338772_10209639495978149_3260176966120226324_n 15337592_10209639514538613_6817553301217259279_n 15337544_10209639515898647_8031535118126752675_n 15319287_10209639509498487_7536193392427405084_n 15319270_10209639473977599_3687986327076028609_n 15304366_10209639497978199_6575068111390336029_o 15289105_10209639499138228_7805759842881410880_o 15283951_10209639476297657_3806610584175063746_n 15271874_10209639498178204_9041335925234132677_o 15271830_10209639482097802_5089830354849110390_o 15268031_10209639477937698_5008589016365783016_n 15267781_10209639502218305_8204554239315691621_n 15267726_10209639475257631_5341643114225536389_n 15242031_10209639479057726_3466349010907605427_n 15232050_10209639480857771_1649005163410940103_n 15230574_10209639512098552_5225290668149790804_n 15219392_10209639513378584_7492782891994645282_n15219392_10209639513378584_7492782891994645282_n

 

Al termine della serata il pubblico saluta gli amici rimasti a casa (guarda il video!)

15337544_10209639515898647_8031535118126752675_nhttps://www.facebook.com/GinevraDiMarcoFans/videos/10154074574267727/

e per finire un sogno divenuto realtà: il mio regalo personale!!!